Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 15
lunedì 6 aprile 2020, ore
IL SONDAGGIO
SONDAGGIO NM - Coronavirus, come state trascorrendo le ore a casa?
Leggendo le News dei giornali online
Libri
Social Networks
Serie Tv, Netflix, Tv
Videogames
RISULTATI
VOTA
IN PRIMO PIANO
L'ANALISI - Rino Gattuso: "Napoli, non mi fido, serve un filotto di vittorie, nessun rancore con Allan, gol di Mertens? E' un fenomeno"
16.02.2020 20:53 di Napoli Magazine

CAGLIARI - Rino Gattuso, allenatore del Napoli, ha parlato a Sky e in Press Conference dopo la vittoria sul Cagliari. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine": "Non mi fido. Serve un filotto di vittorie per tornare. Dobbiamo fare quello che stiamo facendo, ma non dobbiamo dimenticare quello che abbiamo combinato. Nelle ultime due partite non abbiamo preso gol ed è stato importante. Insigne doveva giocare, poi ha avuto un fastidio al ginocchio. Elmas è stato bravo. Mario Rui era l'unico terzino sinistro, Hysaj si è fatto trovare pronto. Chi sta meglio gioca. Mertens e Callejon in scadenza? I calciatori devono essere professionisti. Bisogna allenarsi in un certo modo, poi se rinnovano o no non è un mio problema. Se qualcuno mi dice che non sta bene e non ha la testa giusta gli do la mano. Serve rispetto. Allan? Domani è un altro giorno, non si porta rancore, sarò il primo ad incitare Allan. So che ha avuto proposte importanti in questi mesi, in campo voglio vedere grande senso di appartenenza. Grande disponibilità verso Allan per metterlo nelle migliori condizioni. Quello che abbiamo fatto resta nei libri di storia. Dobbiamo fare 40 punti. Non possiamo permetterci di scherzare col fuoco, altrimenti entri in un vortice e non esci più. Bisogna pensare 24 ore al giorno al Napoli. Chi ha fatto cose importanti non deve buttare via tutto negli ultimi mesi. Il gol di Mertens? Fa diventare tutto semplice, è un fenomeno, è furbo, è un giocatore completo, non sta mai fermo. Ci è mancato tanto, abbina furbizia a qualità. Dopo l'esperienza al Pisa non voglio promettere piu' niente, c'è chi si occupa dei contratti, i soldi non sono miei, sono un dipendente dell'azienda, le scelte deve farle chi comanda. Me l'hanno chiesto il parere. Se non giochiamo da squadra facciamo le figuracce".

Loading...
ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>