Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 33
sabato 15 agosto 2020, ore
L'EDITORIALE
VIDEO - Bologna, Mihajlovic: "Quattro mesi difficili, non bisogna mai perdere la voglia di vivere", Blerim Dzemaili: "Dire che ci sei mancato è poco, promettiamo di migliorare", Fenucci: "Rapporto con Sinisa ancora più forte"
29.11.2019 11:53 di Napoli Magazine Fonte: Sport Mediaset

BOLOGNA - Sinisa Mihajlovic ha convocato una conferenza stampa: il tecnico del Bologna ha incontrato i giornalisti affiancato dai medici del Policlino S. Orsola che lo hanno in cura. Dopo il trapianto di midollo osseo e il terzo ciclo di chemioterapia terminato per combattere la leucemia, l'allenatore serbo ha fatto il punto della situazione sulle sue condizioni di salute. Mihajlovic ha lasciato l'ospedale circa una settimana fa ed è andato subito a Casteldebole per seguire l'allenamento della squadra. Il serbo. però, non è andato in panchina contro il Parma. 

 

LA CONFERENZA

 

"Devo riprendere gradualmente, è stato bello tornare in campo ma mi stanco più facilmente. La prima volta sono dimagrito 13kg, prendo 19 pastiglie al giorno: so che per un po' andrà così".

 

"Sono stati quattro mesi e mezzo tosti, ero chiuso in una stanza d'ospedale da solo, con aria e acqua filtrata. Volevo prendere una boccata d'aria fresca ma non poteva. Non mi sono mai sentito un eroe, solo un uomo. Forte, con carattere, ma sempre un uomo con tutte le sue fragilità. Queste malattie non si vincono solo col coraggio, servono le cure e io ero nel posto giusto. Voglio dire a tutti quelli che sono gravemente malati: non si sentano meno forti se non affrontano la malattia come ho fatto io, non ci deve essere vergogna o paura o disperati. Ma non perdete la voglia di vivere. Questa è una malattia bastarda, ci vuole pazienza: serve concentrarsi su obiettivi piccoli e giornalieri, non andare troppo in là con la mente. La cosa positiva è che, al netto delle complicazioni, conta che guarisci".

 

Riprende la parola Mihajlovic: "Devo ringraziare anche chi ha fatto per me cori, striscioni, pellegrinaggi, preghiere... mi sono sentito voluto bene dal calcio, come in una famiglia. Ringrazio tutti i tifosi, soprattutto quelli del Bologna, mi hanno adottato come un figlio. Ringrazio la società, tutta, staff e giocatori: sono stati unici sin dal primo momento. Il ringraziamento più particolare a mia moglie e ai miei figli (si commuove, ndr). Mia moglie è stata tutti i giorni con me, mi ha dimostrato di essere fortunato anche se lo sapevo già: forse è l'unica persona che ha più palle di me. La amo. I miei figli sono la mia vita, quando c'era da trovare un donatore hanno accettato subito di fare l'esame: grande dimostrazione d'amore verso me, non è scontato. Grazie anche a mio fratello e a mia madre".

 

Si può conoscere il donatore del midollo osseo?
Dottoressa Bonifazi: "Non è possibile rompere l'anonimato, donatore e ricevente possono comunicare solo via lettera. Poi negli ultimi anni con l'avvento dei social queste cose sono un po' cambiate"

 

L'atteggiamento del paziente ha aiutato?
Dottor Cavo: "In termini di efficacia della terapia non conta ma lo spirito aiuta, dall'inizio lui era certo che oggi saremmo stati qui a raccontare il decorso in questi termini".

 

Previsioni sulle tempistiche della guarigione?
Dottoressa Bonifazi: "Anche dopo 100 giorni non sarà possibile. Il 'bollino del guarito' di solito viene dato dopo 5 anni, si è più tranquilli dopo 2 anni senza recidive.

 

Il fatto che Sinisa sia così famoso, è stato un peso e un vantaggio?
Dottor Cavo: "Non è stato pesante, il pregio è stato che Sinisa è uscito allo scoperto e ha acceso i rfilettori su una malattia che va conosciuta"

 

Parla la dottoressa Bonifazi: "Dopo il trapianto  possiamo dire che c'è stato attecchimento, passo fondamentale. Poi non ci sono state conseguenze post-trapianto, decorso regolare e le condizioni sono soddisfacenti. Ma occorre cautela: i primi 100 giorni sono importantissimi, stiamo ricostruendo il sistema immunitario: ora siamo "solo" a 30 giorni passati. Il ritorno alla vita normale di Sinisa sarà graduale, valuteremo di volta in volta se potrà essere presenti agli allenamenti o in partita".

 

Il dott. Cavo continua: "Questi esami servivano anche per capire come trovare un donatore di midollo osseo idoneo da trapiantare in Sinisa. L'approccio è stato classico, con farmaci chemioterapici: il primo ciclo è durato più di un mese, il secondo è stato più breve. Per uccidere le cellule tumorali abbiamo dovuto uccidere tutte le cellule, anche quelle sopravvissute ('avete fatto piazza pulita' dice Mihajlovic): è stata la fase più delicata perché non aveva globuli bianchi e Sinisa poteva essere esposto ad infezioni. Dopo il primo ciclo abbiamo avuto risultati positivi, ottenendo gli obiettivi sperati e la remissione completa delle cellule tumorali. Contemporaneamente siamo partiti cercando il donatore più idoneo, iniziando dal fratello e dai figli: la scelta finale è stata quella di sfruttare un donatore di registro. Oggi è un mese esatto dal trapianto, è passato il tempo giusto per costruire un muro difficile da abbattere. Sinisa mi ha detto: voglio chiudere un cerchio e lo capisco. Noi invece abbiamo ancora bisogno di tempo per capire meglio. Sinisa ha un carattere robusto e si è sempre fidato di noi, anche quando i no che gli dicevamo gli davano fastidio. Siamo contenti di averlo restituito in questa forma alla comunità".

 

-Il dottor Cavo, capo dell'Equipe che ha seguito Mihajlovic: "Le lacrime fanno bene, puliscono lo spirito (Mihajlovic scherza: sono stufo di piangere, non ho più lacrime!). Abbiamo cercato di affrontare questo percorso mettendo in campo il meglio del nostro sapere e della nostra professionalità. Ogni giorno il nostro team cerca di offrire ai malati il meglio delle nostre capacità. La storia di Sinisa quindi vale per tutti i pazienti che ogni giorno sono in ematologia. Quattro mesi fa abbiamo dovuto fare accertamenti dopo alterazioni di valori usciti da esami fatti per altri motivi: ci sono stati segnali iniziali non motivati che poi hanno portato Sinisa a fare una visita ematologica per chiarire la natura. La diagnosi parla di una leucemia acuta mieloide: in pratica un particolare tipo di globuli bianchi arrestano la loro maturazione e proliferano senza controllo, quindi il midollo osseo perde capacità di produrre globuli rossi, bianchi e piastrine. Siamo quindi ricorsi ad accertamenti più dettagliati per capire se queste cellule tumorali esprimessero un loro identikit e per capire se i geni più frequentemente coinvolti nella diagnosi avessero delle mutazioni o meno. Di solito queste cose succedono quando più eventi genetici trasformano la cellula da normale a neoplastica. Oggi abbiamo farmaci piuttosto mirati, ecco il perché di esami così dettagliati: per avere una terapia personalizzata".

 

-Di nuovo Mihajlovic: "Grazie di tutti per essere qui, so che volevate essere di più ma non posso stare con troppe persone chiuso in una sala per questioni sanitarie. L'ultima volta, era il 13 luglio, avevo annunciato la malattia, ora è giusto fare una nuova conferenza per spiegarvi il mio percorso. In questi 4 difficili mesi ho conosciuto medici straordinari, che mi hanno curato, supportato e sopportato visto che ho un carattere difficile. Li ringrazio tutti, infermieri compresi: sono persone... (si interrompe commosso). Scusatemi, mi passa tutto per la testa. Ringrazio tutti, mi hanno dato tanto affetto".

 

-Parla Dzemaili: "Dire che ci sei mancato è poco, stracontenti che sei tornato con noi e volevamo farti questa sorpresa anche se sappiamo che ora non sei contentissimo per le nostre prestazioni... promettiamo di migliorare. Grazie per essere tornato".

 


Comincia Mihajlovic, subito interrotto dall'ingresso della squadra in sala stampa: "Ma non dovevate essere in campo? Mi fanno sempre le sorprese... fanno di tutto per non allenarsi! (ride, ndr)".

 

- Fenucci (ad Bologna): "Siamo qui per ripassare il percorso fatto da Mihajlovic sotto l'aspetto medico, anche per capire i prossimi passi e fare chiarezza. Per noi è una gioia averlo rivisto in tuta, il rapporto con Sinisa sta diventando ancora più forte per il professionista e la persona che è. Ringraziamo i medici del S. Orsola per la loro collaborazione, un'eccellenza di Bologna e d'Italia".

 

 

Loading...
ULTIMISSIME L'EDITORIALE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>